ATTIVITA' SPIRITUALI

 

 

TERRASANTA dal 24 al 29 Febbraio 2012- 894 a.O.

 

Ordre Souverain et Militaire du Temple de Jérusalem

Precettoria di Gerusalemme

Alto Magistero dell’Ordine

Terrasanta Febbraio 2012

Roma, Terre del Lazio, 4 marzo 2012 a.D. – 894 a. O.

 Ogni volta che torniamo in quella che per noi è “Casa” (così infatti ci riferiamo a Gerusalemme quando organizziamo i nostri viaggi) le emozioni si rinnovano e, se possibile, si amplificano.

Così è stato anche in questa occasione, in cui i Cavalieri Fr. Comm. Gianluca Colaiacomo, Sr. Comm. Elisabetta Cimino, Fr. Alfio Zappalà, Fr. Salvatore Borzì e lo Scudiero Fabio Amati, guidati dal Precettore delle Terre di Gerusalemme Fr. Marco Segatori e dal Commendatore di Gerusalemme Fr. Giuseppe Salvatori, hanno avuto l’onore di indossare i sacri mantelli rossocrociati dove tutto ebbe inizio e dove siamo irresistibilmente attratti più volte l’anno. 

Ospiti, come sempre, della Casa Mater Misericordiae sul Monte degli Ulivi, oltre alle visite ai luoghi sacri della cristianità, sia a Gerusalemme, sia a Betlemme e sia in Galilea (Nazareth, Monte delle Beatitudini e Lago di Tiberiade) ed al nuovo accesso nella Cupola della Roccia e nella Moschea di Al-Aqsa (sotto gli sguardi chiaramente invidiosi dei comuni turisti cui tutto ciò è precluso),  i momenti più alti e significativi sono stati la S. Messa in divisa al S. Sepolcro (con successiva processione all’interno della Basilica, sino alla Cappella di S. Elena dove è riecheggiato il Non Nobis…), un interessantissima lectio magistralis itinerante a cura del Padre Francescano Eugenio Alliata (massima autorità in campo archeologico e storico in Terra Santa), ma soprattutto la visita al Collegio Spagnolo di Nostra Signora del Pilar (dove abbiamo consegnato le offerte raccolte dalle Commende Jérusalem, Roma e Monsjebel e conosciuto alcune bambine che hanno commosso anche i più temprati di noi) e la salita ai Corni di Hattin, sia per un omaggio simbolico ai caduti, sia per gli ultimi rilievi finalizzati alla realizzazione del memoriale della tragica battaglia (auspicabilmente in autunno, con la partecipazione di numerosi Fratelli all’iniziativa).

 Il tradizionale Capitolo ha poi concluso un’altra meravigliosa esperienza di fratellanza e cavalleria, sentimenti e componenti di cui tutti sentiamo il bisogno nei difficili tempi che viviamo.

 Di sicuro siamo tornati rafforzati nelle motivazioni e nello spirito, consapevoli che nelle mille insidie quotidiane, se volgeremo il nostro sguardo, incontreremo idealmente quello del Fratello o della Sorella che avevamo vicino nel S. Sepolcro o ad Hattin…e ci sentiremo certamente più forti e sereni…

 A Gerusalemme! 

Non nobis Domine…

                                               Il Precettore di Gerusalemme

                                                      ++ Fr. Comm. Marco Segatori

Ringraziamento alla Precettoria di Gerusalemme che ha raccolto quanto donato

 Le Immagini del Viaggio in Terrasanta

 

Per la Terra Santa

-         CONTROLLARE IL PASSAPORTO CHE ABBIA UNA SCADENZA MINIMA ALL’1° GENNAIO 2012

-         LA GUIDA E' ISRAELIANA, MOLTO QUOTATA E SICURA, DI ORIGINE ITALIANA , ED E’ A CONOSCENZA DI USI E COSTUMI  ITALIANI E CRISTIANI.

-         IL CAPO GRUPPO CHE RISPONDERA’ PERSONALMENTE ALLE AUTORITA’ ISRAELIANE SARA’  VETERANO DEI LUOGHI.

NOTE

Tenete a portata il presente programma, in modo da rispondere esaurientemente alle domande delle autorità israeliane (soprattutto  all’aeroporto) riguardo la nostra permanenza, in caso mostratelo. Comunque vada fate sempre riferimento al capo gruppo.

Sistemazioni presso il convento “ Mater Misericordiae”,  sul Monte degli Ulivi, Sede dell'Ordine in Israele. Il pranzo ( che verrà pagato di volta in volta) verrà consumato con scelta del posto , a seconda del programma di visita giornaliero.

Gli spostamenti avverranno con pulmino da 15 posti condotto dalla stessa persona che fungerà da guida,  che avete conosciuto,  nel suo compenso: guida,autista, affitto pulmino è da corrispondere anche vitto e alloggio.

In caso di escursione a Betlemme, si effettuerà con guida che parla italiano e mezzo palestinese, fare attenzione a non far avvicinare vu cumprà  del luogo, c’è rischio di furti 

Verrà  stipulata la polizza assicurativa di viaggio, facoltativa, con Europe Assistance Italia s.p.a.

 Per chi lo desideri, metta in valigia del  caffè macinato, salame o mortadella ( le  Suore a  Gerusalemme non trovano queste cose e le gradiscono).

Il programma è naturalmente puramente indicativo e potrà subire modifiche sia per situazioni contingenti, che a seguito di proposte dei partecipanti.

Controllate la validità dei Vostri passaporti che dovranno avere una scadenza di almeno sei mesi dopo la data di partenza ( ossia almeno con scadenza gennaio 2012 e portate con voi una fotocopia del passaporto e della carta di identità) E’ inutile che vi raccomandi che il passaporto va portato sempre con sè. Pesate i Vostri bagagli (valigia da stiva max 20 kg, bagaglio a mano max 8 kg.)

Restiamo a disposizione per ogni chiarimento e/o suggerimento

Se non conoscete bene la lingua inglese non cercate di fare discorsi strani. Parlate italiano sicuramente qualcuno vi capirà e comunque fate sempre riferimento al capo gruppo

Alcune note utili:

Nel territorio israeliano la circolazione non è sottoposta a particolari limitazioni.

Nel territorio palestinese  tipo Gerico e Betlemme, sono sotto  il controllo dell’autorità nazionale palestinese. Tali aree sono interdette ai cittadini israeliani. L’accesso è regolato da check-point, nei quali bisogna esibire il passaporto, si possono subire limitazioni per motivi di sicurezza.

Territorio a controllo misto (tipo la borgata di Anata, alle porte di Gerusalemme) si può accedere liberamente, ma ci si può imbattere in posti di blocco e limitazioni della circolazione.

Sono da evitare coltelli, lame e forbicine; sono da evitare, perché in caso di passaggio al metal detector, si può essere costretti ad abbandonarli, oppure si può essere sottoposti a domande e controlli che fanno perdere tempo a tutto il gruppo.

Segni religiosi troppo evidenti sono da evitare , soprattutto in certe circostanze( visite a luoghi santi ebraici o musulmani e transito in quartieri o villaggi abitati da integralisti). E’ del tutto proibito portarli, insieme alla Bibbia e altri libri religiosi, sulla spianata delle moschee, a Gerusalemme.

Nell’usare il telefono cellulare va tenuto presente che il costo del roaming, sia in entrata che in uscita, è piuttosto elevato: chi usa sim card prepagate deve provvedersi in Italia di adeguato credito. Prima di partire contattare le vostre compagnie telefoniche e chiedere se vi sono promozioni in atto per chi va all’estero in Israele.

Nelle visite ai luoghi santi ebraici, muro occidentale, sinagoghe, tomba di Davide….vige una rigida separazione tra uomini e donne, per cui ciascuno deve visitare l’area riservata al proprio sesso. Gli uomini devono coprirsi il capo: vengono offerti Kippah agli uomini (in versione cartoncino), a volte vengono offerti veli alle donne. Comunque gli uomini possono indossare un semplice cappello per soddisfare il precetto.

Le donne devono prestare particolare attenzione nel vestire in maniera decente;

Tutti debbono evitare di far rumore all’interno dei luoghi Santi,

Fotografare e filmare solo dove permesso e sempre con discrezione;

Evitare comportamenti estranei alla cultura locale. Soprattutto tra uomini e donne , è bene non compiere gesti di affetto o di amicizia che, comunemente accettati da noi, sono considerati sconvenienti in medio oriente, è bene evitare il contatto tra uomini e donne nei luoghi di preghiera 

CLIMA: Akko e Tel Aviv/Giaffa clima mite per tutto l’anno. Zona più piovosa rispetto altre zone

               La zona della Samaria e della Giudea (comprende Gerusalemme e Betlemme) clima  fresco in estate  e freddo in inverno. Nella zona del Giordano  -200 metri a Tiberiade e -400 a Gerico e Qumran accentuata calura quasi in ogni mese dell’anno.

Temperature medie stagionali in gradi Celsius nel mese di ottobre: Gerusalemme 16-26; Tel Aviv 15-28; Akko 16-27; Tiberiade 19-32; Gerico 24-32

PORTATE SEMPRE CON VOI UN CAPPELLO ED UNA BOTTIGLIA DI ACQUA

NON BEVETE ACQUA DI SORGENTI IL VOSTRO ORGANISMO NON POTREBBE REAGIRE BENE ALLA PARTICOLARE CARICA BATTERICA, PROVOCANDO FASTIDIOSI DISTURBI INTESTINALI.